Domande frequenti - BINOCOLI

Risposte alle domande più frequenti sui binocoli

Come scegliere l’ingrandimento appropriato?

I binocoli sono provvisti di un insieme di numeri. Il primo numero indica il loro ingrandimento (7x50, 8x25, 10x42 e così via). Se si vedono due numeri divisi da un trattino, significa che i binocoli presentano un ingrandimento variabile (ad esempio 7-25x42). Se due numeri sono divisi da una barra trasversale, i binocoli presentano differenti oculari per vari ingrandimenti (ad esempio, 7/25x42). Ingrandimenti più elevati creano immagini ingrandite degli oggetti, ma tagliano il campo visivo osservato. In questo modo, un basso ingrandimento è utile in alcune situazioni.

L’ingrandimento nell’ordine da 2x a 5x è utile per i monocoli. Ad esempio, quasi tutti i monocoli da visione notturna sono dotati di ingrandimento in questo intervallo. Gli ingrandimenti tra 7x e 10x sono perfetti per molte applicazioni tra cui lunghe passeggiate, caccia e osservazione della vita selvatica. Questi binocoli sono spesso chiamati “universali” perché creano un’immagine di buona qualità a prescindere dalle condizioni di osservazione. I classici esempi di questi binocoli sono i binocoli Levenhuk Atom 8x40 e i binocoli Levenhuk Karma PLUS 10x25. I cannocchiali sono dotati di ingrandimenti più elevati, di circa 20x. I binocoli astronomici sono dotati normalmente di un ingrandimento di 10-20x. Forse, sarebbe opportuno dare un’occhiata anche ai telescopi o binocoli con ingrandimenti di 20-30x o superiori. Alcuni modelli presentano un ingrandimento fino a 160x (o superiore) mediante differenti oculari, ma è impossibile eseguire osservazioni portatili. Tali binocoli sono installati su un treppiede o su un sostegno speciale.

Come scegliere obiettivi di dimensioni appropriate?

Più grande è un oggetto, maggiore è la luce che raccoglie e questo rende i binocoli o qualsiasi altro strumento ottico più efficienti in condizioni di scarsa illuminazione, ad esempio, in un giorno nuvoloso, in presenza di nebbia o al crepuscolo. Tuttavia, gli oggetti di grandi dimensioni sono più pesanti e più costosi. I più grandi possono richiedere un treppiede. Gli obiettivi da 20 mm sono idonei per osservazioni diurne di paesaggi naturali o per la caccia, mentre gli obiettivi da 60 mm, 80 mm, o anche 100 mm sono più efficaci per osservazioni astronomiche e lo studio di oggetti celesti.

Quali binocoli scegliere: con prismi di Porro o con prismi a tetto?

I binocoli con prismi di Porro sono progettati utilizzando prismi a forma di Z. Questi prismi sono di grande volume, pertanto, i loro obiettivi si trovano comparativamente a una lunga distanza tra loro. Questo tipo di binocoli è generalmente più ingombrante ma funziona meglio e ha un prezzo economico. Creano un’immagine stereoscopica migliore e un campo visivo più ampio ma hanno più probabilità di rompersi quando subiscono un urto o una caduta. I binocoli con prismi a tetto hanno una forma lineare, sono compatti e leggeri ma richiedono speciali rivestimenti del prisma per funzionare correttamente. Sono più durevoli, meno soggetti ad appannamento o all’ingresso di polvere all’interno dei binocoli.

La scelta dei prismi di Porro è giustificata se si desidera avere uno strumento ottico affidabile economico. Se si utilizzeranno i binocoli per la caccia, escursionismo, o viaggi fuori dall’acqua, si consiglia di considerare l’acquisto di binocoli con prismi a tetto. Sono più leggeri e compatti e in breve tempo saranno all’altezza delle vostre aspettative. Questi binocoli valgono il loro costo. Comunque, entrambi i tipi sono in grado di creare immagini luminose e nitide: ciò dipende in gran parte dalla dimensione dell’obiettivo e altre parti dei binocoli piuttosto che da differenze nei modelli di prismi.

I binocoli con prismi di Porro possono essere compatti, di campo, e possono essere utilizzati per osservazioni stazionarie. I binocoli con prismi a tetto sono raramente montati su un treppiede (questi modelli esistono, tuttavia) e sono prevalentemente progettati per l’uso giornaliero. Vale la pena accennare che vi sono modelli potenti e di grande apertura tra i binocoli con prismi a tetto.

Cos’è un campo visivo?

Un campo visivo è un’area visibile attraverso uno strumento ottico. Mostra l’ampiezza di un campo visivo a una distanza di 1000 m (0,6 mi). L’ottica a grandangolo mostra un campo visivo ampio.

Cos’è un rilievo visivo?

Si tratta di una distanza tra gli occhi e il binocolo o un cannocchiale, in corrispondenza della quale è necessario tenere uno strumento ottico durante le osservazioni. Un lungo rilievo visivo significa sarà possibile usare il binocolo mentre si indossano gli occhiali.

Cos’è una pupilla d’uscita?

Una pupilla di uscita è un immaginario taglio di lenti di oculare attraverso cui viaggia la luce. Una pupilla di uscita dovrebbe essere grande quasi quanto una pupilla dell’osservatore; altrimenti, della luce si perderà. Binocoli per osservazioni al crepuscolo e binocoli progettati appositamente per osservazioni astronomiche presentano una pupilla di uscita ingrandita che corrisponde alla pupilla al buio.

Cos’è un cambio di fase?

Un cambio di fase è un problema specifico per strumenti con prismi. La luce attraversa un prisma e può causare un cambiamento di fase dell’onda luminosa che porta alla perdita di contrasto e di risoluzione. L’immagine risultante è offuscata e sfocata. I prismi a tetto di alta qualità utilizzano una rivestimento a correzione di fase che regola le fasi delle onde luminose fornendo un’immagine nitida e chiara.

Cosa significano vetro BaK-4 e vetro BK-7?

BaK-4 e BK-7 sono tipi di vetro molto diffusi per la produzione di prismi. Entrambi i tipi si riferiscono al vetro crown, ma il vetro BaK-4 presenta un indice di rifrazione superiore rispetto al vetro BK-7. BaK-4 è più costoso da produrre, ma è preferibile da usare perché crea un’immagine più nitida e presenta una pupilla di uscita rotonda.

Perché i binocoli hanno un rivestimento?

Ogni volta che la luce viaggia attraverso l’aria e colpisce il vetro, una piccola parte di essa riflette dai confini del vetro. Il sistema ottico nei binocoli ha molte superfici in vetro, lenti e prismi. Pertanto, la perdita di luce potrebbe essere significativa senza rivestimenti anti-riflettenti. Questo è particolarmente importante per i binocoli con prismi a tetto che non possono funzionare correttamente senza rivestimenti speciali.

Il primi binocoli non avevano rivestimenti anti-riflesso e risentivano della luce diffusa all’interno del tubo ottico che rendeva le immagini sfocate e a basso contrasto. Sebbene possa essere parzialmente compensato con un obiettivo di dimensioni maggiori, si riceverà uno strumento pesante e voluminoso, mentre i sottili rivestimenti delle lenti sono quasi senza peso. Al giorno d’oggi, quasi il 95% della luce resta nel percorso del raggio di base se i rivestimenti sono sufficientemente buoni. I prismi a tetto, ad esempio, creano un’immagine con maggiore contrasto se hanno uno speciale rivestimento che impedisce un cambio di fase.

I produttori usano le stesse parole per descrivere i rivestimenti:

“Rivestito” significa che almeno una superficie ha un rivestimento.

“Completamente rivestito” significa che tutte le superfici aria-vetro hanno rivestimenti ad eccezione delle lenti in plastica.

“Multirivestito” significa che almeno una superficie ha un rivestimento multistrato.

“Completamente multirivestito” significa che tutte le superfici aria-vetro hanno un rivestimento multistrato.

Come scegliere uno strumento ottico che sarà comodo da usare?

Occorre tenere in mano il binocolo o un cannocchiale in un negozio al dettaglio per saperne di più su peso, materiale del corpo, conchiglie oculari e così via. Le conchiglie oculari morbide e il meccanismo di messa a fuoco sono particolarmente importanti se si utilizza frequentemente uno strumento ottico. Se si eseguono osservazioni manuali, i binocoli non dovrebbero essere più pesanti di 1-1,5 kg (2,2-3,3 libbre); in caso contrario, sarà necessario montarli su un treppiede o un cavalletto. In generale, i binocoli sono più pratici dei monocoli o dei cannocchiali poiché hanno due tubi da tenere durante le osservazioni.

Occorre acquistare un binocolo grandangolare?

Quando si osserva attraverso uno strumento ottico, ad es. un binocolo, si osserva una certa area. Quest’area è chiamata campo visivo. Le ottiche grandangolari offrono un campo visivo più ampio rispetto ai normali binocoli. Questo è ottenuto grazie all’uso di lenti e prismi appositamente ottimizzati. Ad esempio, i binocoli ordinari mostrano un campo visivo di 115 m (377 piedi) a una distanza di 1 km (0,6 miglia), mentre i binocoli grandangolari possono mostrare 160 m (525 piedi) a una distanza di 1 km (0,6 miglia). Questo può essere particolarmente utile per le osservazioni del cielo o per guardare una gara automobilistica se è necessario osservare una vasta area allo stesso tempo.

Quali sono gli accessori aggiuntivi per il binocolo?

Esiste una grande varietà di accessori per binocoli: vari marsupi e tracolle, morsetti speciali, conchiglie oculari, oculari intercambiabili, set di strumenti per la pulizia e molto altro. Se è necessario trasportare il binocolo, assicurarsi di utilizzare tracolle affidabili per indossarle comodamente. Per le osservazioni delle stelle è necessario un robusto treppiede. Gli oculari intercambiabili sono comunemente utilizzati per i telescopi binoculari per ottenere vari ingrandimenti. Poiché i componenti per l’ingrandimento variabile non sono ancora perfetti, gli oculari intercambiabili sono accessori molto utili. Assicurarsi sempre che gli oculari siano compatibili con il proprio binocolo.

Gli strumenti di pulizia dell’ottica torneranno utili per potenti binocoli o telescopi.